Rinascita Lancianese | Territorio
4353
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-4353,woocommerce-wishlist,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-4,qode-theme-ver-12.1.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.4,vc_responsive
montagna
punta_aderci
mare_montagna

In un territorio suggestivo tra la montagna e il mare

L’area di produzione delle uve è quella dell’antica Frentania, comprendente Lanciano e i comuni limitrofi. E’ un luogo straordinario, ricco di cultura e storia, che seppe estasiare anche Solima guerriero esule dalla guerra di Troia, compagno di Enea, il quale, approdatovi nel 1180 a. c., capì immediatamente la ricchezza di queste terre poste tra l’imponente massiccio montuoso della Majella e il Mare Adriatico. Solima vi si fermò a lungo giovandosene, tanto da fondare qui la città che chiamò Anxanum, in ricordo del fratello Anxa, morto in battaglia.

E’ un territorio molto vasto, caratterizzato da varie altimetrie, che generano importanti escursioni termiche tra il giorno e la notte, unite ad una costante ventilazione, proveniente dalla Costa dei Trabocchi.

Sono condizioni favorevoli alla coltivazione della vite che, legate ai terreni di diversa natura geologica, imprimono caratteristiche peculiari alle uve, esaltando la tipicità dei nostri vini dai molteplici sapori e profumi.